X
Nome
E-Mail
Oggetto
limite : 

Nevralgia del Trigemino

Nevralgia del Trigemino

La Nevralgia del Trigemino è una patologia estremamente debilitante a cusa del dolore intenso e repentino che causa a chi ne soffre. Il dolore è molto localizzato nelle aree per le quale il nervo è sensibile: occhi, labbra, naso, cuoio capelluto, denti mucose maswcella e altre aree del viso.


Cause Nevralgia del Trigemino


Il Nervo del Trigemino è il 5° dei 12 nervi cranici. Questo nervo serve ed è dunque sensibili a diverse aree della testa.
Come per altri tipi di nevralgia, non è individuate una causa certa, anche se la teoria più probabile sembra essere la pressione da parte di un vaso sanguigno questo Nervo. Anche per questo l'età è un fattore che accomuna chi ne soffre.

 

Sintomi Nevralgia del Trigemino

Chi ne soffre lamenta in quasi la totalità dei casi un dolore improvviso e lancinante molto localizzato in da un lato del viso. Solo nel 3% dei casi il dolore si manifesta in entrambi i lati contemporaneamente. 
Il dolore viene innescato in seguito la pressione di determinati punti, i cosi detti "trigger" (grilletti). Atti normalissimi come una carezza possono far comparire dolori estremamente forti ed acuti. Oltre ad un "innesco", ci sono causi in cui altri fattori esterni o interni possono far scattare il dolore, come un improvviso stimolo freddo o un movimento.
Ricapitolando:

  • Dolore forte ed improvviso
  • Localizzato, nelle aree cui il nervo è sensitivo.
  • Innesco al contatto (anche leggero) o stimoli ambientali (come freddo/caldo improvvisi)


 

Diagnosi Nevralgia del Trigemino

La diagnosi solitamente non presenta particolare insidie proprio grazie i sintomi presentati in fase di anamnesi dal paziente.
Un buon specialista saprà individuare con facilità questa patologia. I mezzi di cosi si potrà avvalere saranno:

  • Anamnesi: le informazione raccolte attraverso il paziente saranno senza alcun dubbio la risorsa più importante, per questo più si riesce ad essere precisi senza tralasciare nulla è di grande aiuto
  • Stimolazione: con anamnesi, una leggera stimolazione localizzata e la risposta a questo stimolo, il medico sarà in grado di escludere quasi ogni altra patologia
  • TC e RM: nel caso il medico non fosse certo della diagnosi differenziale e volesse escludere altre possibilità, potrà ricorrere alla tomografia computerizzata e alla risonanza magnetica.

Questo sarà sufficiente a chiudere il quadro clinico.

 

Trattamento Nevralgia del Trigemino

Il trattamento è quello tipico delle Nevralgie. 
Dal momento che antidolorifici comuni non riescono ad alleviare il dolore, il vostro medico probabilmente tenterà la via degli anticonvulsivanti. Questi farmaci vegono in genere somministrati per sfavorire attacchi epilettici, ma spesso si tenta questa via per patologie correlate ai Nervi. Per chi non li avesse mai presi e specie in assenza di epilessia, alle primissime somministrazione potrebbero presentare effetti indesiderati insoliti come: vertigini, euforia e sonnolenza.

Non sempre, purtroppo, il trattamento farmacologico da solo risulta efficace o magari con il tempo il sintomo potrebbe peggiorare.
A questo punto il vostro medico potrebbe optare per altre vie.


Studi dimostrano che l'agopuntura sortisce un effetto positivo, anche se probabilmente solo come palliativo.

In alcuni casi un buon osteopata potrebbe aiutare a favorire un allegerimento della pressione sul nervo, qual'ora vi fossero dei presupposti per farlo.

Come extrema ratio, e smpre se i referti delle analisi conducano verso questa possibilità, vi è l'intervento chirurgico.
L'intervento prevede la locazione di una piccola "spugna" tra il vaso sanguinio e la parte del nervo che si trova a comprimere. Questo intervento assicura una soluzione efficacie e duratura.
L'intervento è delicato e presenta dei rischi: essendo il nervo collegato a molti organi facciali, si potrebbero intaccare le aree controllate dai centri di questo nervo. L'evenienza di una ricaduta è da considerarsi, seppure le percentuali sono molto basse.

Sintomi associati

Può interessarti...

Può interessarti...

Malattie associate

Vedi Commenti

Lascia un Commento
X
Titolo
Età
Sesso
Nome
NESSUN COMMENTO FINO AD ORA